30 settembre 2008

Spaghettini in salsa di pecorino & pepe rosa


Ingredienti (per 2 persone):
200gr. di spaghettini
1/2 cipolla rossa
pepe rosa
2 fette di pecorino stagionato
un paio di cucchiai di pecorino spalmabile
Olio extravergine di oliva q.b
Latte q.b.
Sale

Tagliate grossolanamente la cipolla, e mettetele a rosolare in una padella anti-aderente con sufficiente olio, quando è pronta spegnete ed aggiungete il pepe rosa.
Prendete un pentolino e metteteci il pecorino precedentemente tagliato a pezzi grossolani e aggiungete il latte per preparare la fonduta, sciogliere sul fuoco mescolando spesso, una volta sciolto aggiungere il pecorino spalmabile e spegnere ; unire alla cipolla e pepe rosa.
Mettete a bollire una quantità sufficiente di acqua salata; quando gli spaghettini sono cotti, scolateli bene e adagiateli in un recipiente, aggiungete alla pasta la fonduta di pecorino e mescolate bene fino a far amalgamare il tutto.
Spero vi piacciano.
A presto!

Bloghissimo

Ecco una buona notizia,
anche il mio
blog food
fa parte dell'aggregatore
grazie Alessandro

vuoi segnalare il tuo blog
clicca qui!

Girelle con uva sultanina & crema pasticcera

Ciao amiche, sabato scorso ho passato il pomeriggio al super per la spesa.. tutto si conquista, una faticaccia. Mi ero ripromessa di fare due passi all'aperto la sera , ed invece pioggia e pioggia e ancora pioggia. Bene, che fare...... un giro sui blog food e passando da Misya ho visto e preso la ricetta delle Girelle morbide all’uvetta , unica variante alla sua ricetta ho omesso il rhum, non mi piacciono i liquori.
Tante perfomance nei blogs per questa ricetta: gennarino Il Bloggatore Cookaround Anice&Cannella , e altri ancora.

Ingredienti per la girella:
170 gr di farina 00,
150 gr di farina 0,
80 gr di zucchero,
30 gr di burro,
20 gr di lievito di birra,
1 bicchiere di latte,
1 uovo
farcia:
1 tuorlo per pennellare
50 gr di uvetta
Procedimento da Misya Girelle morbide all’uvetta

29 settembre 2008

San Michele Arcangelo appare a Santa Faustina Kowalska

San Michele Arcangelo appare a Santa Faustina Kowalska
29 Novembre 1936


Santa Faustina Kowalski della Congregazione della beata Vergine Maria della Misericordia - ricorrenza della festa della Divina Misericordia il 30 marzo è particolarmente legata agli angeli, in particolare al suo angelo custode.

29 settembre : Santi Michele, Gabriele e Raffaele

29 SETTEMBRE
SANTI ARCANGELI MICHELE, GABRIELE E RAFFAELE
Festa
L'appellativo «angelo» designa l'ufficio, non la natura
Dalle «Omelie sui vangeli» di san Gregorio Magno, papa
(Om. 34, 8-9; PL 76, 1250-1251)
E' da sapere che il termine «angelo» denota l'ufficio, non la natura. Infatti quei santi spiriti della patria celeste sono sempre spiriti, ma non si possono chiamare sempre angeli, poiché solo allora sono angeli, quando per mezzo loro viene dato un annunzio. Quelli che recano annunzi ordinari sono detti angeli, quelli invece che annunziano i più grandi eventi son chiamati arcangeli.
Per questo alla Vergine Maria non viene inviato un angelo qualsiasi, ma l'arcangelo Gabriele. Era ben giusto, infatti, che per questa missione fosse inviato un angelo tra i maggiori, per recare il più grande degli annunzi.A essi vengono attribuiti nomi particolari, perché anche dal modo di chiamarli appaia quale tipo di ministero è loro affidato. Nella santa città del cielo, resa perfetta dalla piena conoscenza che scaturisce dalla visione di Dio onnipotente, gli angeli non hanno nomi particolari, che contraddistinguano le loro persone. Ma quando vengono a noi per qualche missione, prendono anche il nome dall'ufficio che esercitano.
Così Michele significa: Chi è come Dio?, Gabriele: Fortezza di Dio, e Raffaele: Medicina di Dio.
Quando deve compiersi qualcosa che richiede grande coraggio e forza, si dice che è mandato Michele, perché si possa comprendere, dall'azione e dal nome, che nessuno può agire come Dio. L'antico avversario che bramò, nella sua superbia, di essere simile a Dio, dicendo: Salirò in cielo (cfr. Is 14, 13-14), sulle stelle di Dio innalzerò il trono, mi farò uguale all'Altissimo, alla fine del mondo sarà abbandonato a se stesso e condannato all'estremo supplizio. Orbene egli viene presentato in atto di combattere con l'arcangelo Michele, come è detto da Giovanni: «Scoppiò una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago» (Ap 12, 7).
A Maria è mandato Gabriele, che è chiamato Fortezza di Dio; egli veniva ad annunziare colui che si degnò di apparire nell'umiltà per debellare le potenze maligne dell'aria. Doveva dunque essere annunziato da «Fortezza di Dio» colui che veniva quale Signore degli eserciti e forte guerriero.
Raffaele, come abbiamo detto, significa Medicina di Dio. Egli infatti toccò gli occhi di Tobia, quasi in atto di medicarli, e dissipò le tenebre della sua cecità. Fu giusto dunque che venisse chiamato «Medicina di Dio» colui che venne inviato a operare guarigioni.

26 settembre 2008

Riso con mele erbe fini & limone

Ingredienti x 2 persone:


160 g di riso carnaroli
2 mele
cipolla tritata
una noce di burro
50 g di parmigiano
olio extra vergine d’oliva
erbe fini
1 limone
brodo di verdura
sale & pepe

Preparate la base del soffritto con la cipolla, tagliate le mele a Brunoise (dadini piccoli ), e aggiungetele alla cipolla, cuocete per 10 minuti. Versate il riso amalgamate ed aggiungete il brodo vegetale un mestolo per volta. In tutto 10 minuti di cottura (dipende dal riso ). Una volta cotto , mantecare con burro,parmigiano e parte delle erbe fini, sale e pepe. Servire con erbe fini e buccia di limone grattugiato.


Il pesto di erbe fini
Per il pesto, usate solo erbe fresche:
le erbe aromatiche non sono vincolanti , ma a seconda dei gusti
prezzemolo
timo
foglie di salvia
rametti di rosmarino
Trittate gli ingredienti con la mezzaluna, metteteli in una ciottola con olio sale & pepe

L’oeuf poché con speck e pecorino

Ingredienti:
un uovo
2 fette di speck
pecorino morbido splamabile
1 fetta di pane integrale di segale

Uovo in camicia
In un pentolino versate dell’acqua , aggiungete 3 o 4 cucchiai di aceto di vino bianco e portate ad ebollizione. Rompete un uovo in una ciotola, abbassate la fiamma del pentolino, create un piccolo vortice nell’acqua con un cucchiaino e fateci scivolare l’uovo dalla ciotola. Fate cuocere per 2 o 3 minuti , senza toccarlo. Con un mestolo forato tirate fuori l’uovo e fatelo scolare. Cuocete in modo croccante lo speck; in un tegame antiaderente per 5 minuti.
Disponete il pane nel piatto dopo averlo spalmato con pecorino, le fette di speck infine uovo e pepe, accomapgnate se volete con del pecorino.

Regina della Pace - 25 settembre 2008


Messaggio di Medjugorje

25 Settembre 2008


"Cari figli, sia la vostra vita nuovamente una decisione per la pace. Siate gioiosi portatori della pace e non dimenticate che vivete in un tempo di grazia dove Dio attraverso la mia presenza vi da grandi grazie. Non chiudetevi, figlioli, ma sfruttate questo tempo e cercate il dono della pace e dell’amore per la vostra vita perché diventiate testimoni per gli altri. Vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."

24 settembre 2008

Pasta al sugo di piselli - fast chic & classic food

Ingredienti per due persone :

160 g di pipette
150 g di piselli ( al netto )
mezza cipolla
250 g di passata di pomodoro ( molto densa)
zucchero
olio extra
parmigiano
pepe

Sgranate i piselli.
In una padella mettete l’ olio extra con la cipolla tritata, soffriggete per un paio di minuti ; aggiungete i piselli, fate cuocere per 5 minuti, mescolando, poi un mestolo di brodo vegetale caldo, continuate la cottura dei piselli.
Infine, la passata di pomodoro e lo zucchero ( come fareste per il sale..né più.. né meno , ok ).
Continuate la cottura per altri 10 minuti ( aggiungete ancora un poco di brodo , se vedete che si asciuga troppo).
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e saltatela in padella con il sugo, il parmigiano ed il pepe, servite subito

21 settembre 2008

Patatine al pesto di erbe aromatiche fresche & sale vichingo affumicato

Ieri mi trovavo a Milano, e ho fatto acquisti ... due tipi di sale
' Sale marino alle spezie grigliate'
&
' Sale vichingo affumicato '.
Volevo provarne uno subito, la scelta - sale vichingo affumicato - . Portare in tavola un piatto di chips con un pesto di erbe aromatiche fresche e sale affumicato; dovete credere, un profumo buonissimo in tutta la casa.




Ingredienti:
Patate
sale vichingo affumicato
pesto





Sbucciate le patate , tagliatele a fette mettetele in un contenitore con acqua fresca salata per 1 ora. Scolare ed asciugare con un canovaccio. Disporle in una teglia da forno, rivestita con carta forno.Cuocere a 180° per 35 minuti, rosolare da tutte le parti. Impiattare con il pesto e con sale vichingo affumicato ( appena prima di servire, portate in tavola ' profumo ' ).
Il pesto di erbe aromatiche fresche

Per il pesto,
usate solo erbe fresche:
prezzemolo
timo
foglie di salvia
rametti di rosmarino
1 spicchio di aglio
20 g di pinoli tostati
4 -5 cucchiai di olio d'oliva extra
sale & pepe


Trittate gli ingredienti con la mezzaluna, mettere successivamente in una ciottola e condire con olio sale & pepe.

Lunghetti con crema agli asparagi

Ingredienti :

200 g di funghetti
250 g di asparagi
3 cucchiai di panna da cucina
brodo di verdura
1 spicchio di aglio
olio extra vergine
sale e pepe



Lavate gli asparagi, e tagliate la parte finale di colore bianco. Affettateli a rondelle. In una padella fate rosolare uno spicchio di aglio in olio; toglietelo ed aggiungete gli asparagi, fateli rosolare per 5 minuti salate e pepate. Aggiungete del brodo di verdura caldo , un mestolo, coprite continuate la cottura per altri 5 minuti. Con un frullatore ad immersione tritate finemente gli asparagi, mettete la panna, amalgamate bene. Cuocete la pasta in acqua salata ed abbondante, scolatela e tiratela con il composto fatto, aggiungete il parmigiano.


19 settembre 2008

Qual'è il mio bicchiere ? IDEAS


un' idea geniale da sito di Martha Stewart Living ; il nome scritto su di un elastico da ufficio. Per le ultime cene all'aperto .

Lemon sponge pie - my way


La torta al limone 'bagnata ' con sciroppo di limone,
posso suggerirvi di aggiungere allo sciroppo;
del limoncello o liquore alla crema di limone.
Il profumo è molto invitante , il gusto non delude le aspettative. Ciao

Lemon sponge pie
250 g di farina per torte
200 g di zucchero a velo vanigliato
100 g di burro
3 uova
5-6 cucchiai di succo di limone
la buccia di 1 limone
1 busta di lievito per dolci

Ingredienti per lo sciroppo:

il succo di un limone e mezzo
3 cucchiai di zucchero
5 cucchiai di acqua
la buccia di 1 limone grattata

Montare gli albumi a neve, tenere a parte. Far spumare i tuorli con lo zucchero, aggiungere il burro morbido continuare ad amalgamare. Unire il succo di limone e la buccia grattata, setacciare ed unire la farina poco per volta, incorporare piano gli albumi. Versare in uno stampo da budino infornare in forno pre-riscaldato al massimo, metterlo a 180° cuocere per 30 minuti. Fare raffreddare la torta. Nel frattempo, preparare lo sciroppo scaldando gli ingredienti in un pentolino, lasciar evaporare per 10 min circa l'acqua, ma facendo attenzione che non si restringa troppo una volta tolta dallo stampo , forarla con uno stuzzicadente versare lo sciroppo, piano in modo che possa assorbire. Lasciar raffreddare prima di servire.




Quiche Lorraine - a modo mio

La Quiche Lorraine è la torta salata più famosa al mondo, fatta con uova, panna e pasta . E' una ricetta francese, del nord-est per essere precise. Mi piace più leggera rispetto alla originale, quindi solitamente sostitusco in parte la panna con una creme fraiche. Comunque uova, creme fraiche, un sacco di formaggio e bacon a dadini. Si può preparare anche con aggiunta di dadini di pomodoro, o asparagi (come nel mio caso). Ciao

Ingredienti:
5 uova
200 ml di creme fraiche
150 g di emmental grattugiato
100 ml di panna
200 g di pancetta affumicata
20 asparagi
sale & pepe

Rosolate i dadini di pancetta, e lessate gli asparagi. Sbattete le uova insieme ai formaggi sale & pepe, col matarello stendete la pasta a 3mm e rivestite uno stampo, distribute sul fondo la pancetta, versate il composto preparato; infornate a 180° per mezz'ora.

Ingredienti per la pasta quiche:
250 gr di farina
100 gr di burro
1 uovo
60 ml di acqua fredda
1 cucchiaino di sale

In una ciotola lavorate la farina, il burro con le mani , fino a quando il burro è stato assorbito, aggiungete l’uovo, l’acqua e il sale; impastate fino ad ottenere un composto omogeneo. Avvolgetela con della pellicola e mettetela in frigo per 2 ore.


17 settembre 2008

Quiche: Ricotta, Funghi, Patate

La quiche si prepara un pò in tutti i modi, e sono tutte gustose, la pasta però nelle quiche è degna di nota è fondamentale che non si sfaldi, per non dare un idea di 'pasticcio' ; infatti molte volte gli ingredienti 'pesano' rispetto alla pasta e.....si rompe.


Ingredienti per la pasta quiche:

250 gr di farina
100 gr di burro
1 uovo
60 ml di acqua fredda
1 cucchiaino di sale

In una ciotola lavorate la farina, il burro con le mani , fino a quando il burro è stato assorbito, aggiungete l’uovo, l’acqua e il sale; impastate fino ad ottenere un composto omogeneo. Avvolgetela con della pellicola e mettetela in frigo per 2 ore.
Ingredienti per il ripieno:

2 patate
150 g di funghi
150 g di ricotta
una fetta di prosciutto cotto
2 uova
parmigiano
pangrattato

Cuocete i funghi in un goccio di olio e aglio, sale pepe per 10 minuti. Pelate le patate, tagliatele a fette, lessatele per 8-10 minuto. Mescolate la ricotta con il prosciutto cotto tagliato a striscioline, col matarello stendete la pasta a 3mm e rivestite uno stampo, ricoperto con carta da forno. Sbattere le uova con il sale ed aggiungerle alla ricotta , mescolate. Stendete come base sulla sfoglia, aggiungete i funghi (scolati dall'olio) e le patate, spolverate con un mix formato da parmigiano,pangrattato,sale & pepe. Cuocete al forno a 180° per circa 35 minuti.


Crescentine fritte - Crescentine ricotta prosciutto cotto


Ingredienti:
1Kg di farina 00
1 cubetto di lievito fresco
2-3 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiai di sale fino
acqua tiepida
latte intero

Preparazione:
in un contenitore stemperare bene il lievito nell'acqua tiepida. Setacciate la farina con il sale e disponetela a fontana. Al centro mettete il lievito sciolto nell'acqua tiepida e l'olio. Impastate e lavorate energicamente aggiungendo il latte fino ad ottenere una pasta morbida ed omogenea. Mettete l'impasto in una ciotola e copritela con uno strofinaccio umido. Lasciate lievitare per almeno 2 ore. Tirate l'impasto in una sfoglia alta 3-4 mm, tagliatelo a rombetti e friggete le crescentine poche per volta in una casseruola con bordi alti in abbondante olio per friggere. Servitele ben calde.
E si possono imbottire con ricotta, e prosciutto cotto; friggere sempre in olio caldo e abbondate.
Crescentine ricotta e prosciutto cotto

15 settembre 2008

Ricotta al forno con profumo di limone


Ricotta al profumo di limone
500 g di ricotta
la buccia grattata di un limone
100 g di zucchero
2 cucchiaini di maizena
3 uova
1 busta di vanillina
In una ciotola grattugiate la scorza (solo la parte gialla) del limone, aggiungete la ricotta , lo zucchero, la maizena e il tuorlo delle uova, e la vanillina: mescolate fino ad avere una crema morbida 'spumosa'.Montate a neve ferma l’albume con un pizzico di sale e unitelo al composto di ricotta. imburrate ed infarinate una tortiera, infornate a forno caldo per 1 ora a 160°.


Per caramellare delle fettine di limone :
Lavare un limone tagliarlo a fette, sciogliere per 10 minuti 3 cucchiai di zucchero in padella con 1 cucchiaio di acqua, mettete le fettine di limone, lasciatele un paio di minuti girate e ponetele su carta forno; lasciate asciugare 10 minuti. Sono pronte per guarnire.

Spaghettini al burro aromatico 'handmade'

Questo burro aromatizzato è stata una vera sorpresa, con gli spaghettini sottili davvero gustoso e.... ' morbido ' nonostante le acciughe. La ricetta di questi spaghetti è il Burro alle acciughe & erbe aromatiche praticamente. Cuocete gli 'spaghi' conditeli con il burro aromatico e mantecate con parmigiano reggiano, così.

Burro alle acciughe & erbe aromatiche

Burro alle acciughe & erbe aromatiche
Ingredienti:
150g di burro
5 filetti d’acciuga
origano
timo
pepe rosa
Mettete metà del burro in un pentolino con le acciughe, scaldate per farle sciogliere. Prendete l’altra metà ed amalgamatela con l’origano ed il timo, unite i due composti; infine il pepe rosa. Bagnate della carta da forno,strizzatela rivestite un piccolo stampo versate il burro ( per ricomporlo a panetto), riponetelo nel frigo.

12 settembre 2008

Maccheroni con cavolo cappuccio, salsiccia & formaggio di fossa

Ingredienti per persona:
100 gr di maccheroni
150 gr di cavolo cappuccio rosso
1 piccola salsiccia
40 g di formaggio di fossa
¼ di cipolla
20 gr di burro
vino bianco q.b.
olio sale & pepe
Soffriggere la cipolla con poco olio e burro, aggiungere la salsiccia sgranata e dopo un paio di minuti il cavolo cappuccio rosso a julienne, continuare per 5 minuti, sfumare con vino bianco. Cuocete la pasta in acqua salata, fatela saltare con il sugo e mantecare con formaggio di fossa 'tritato' a pezzi piccoli . Salate poco e pepate.

Riso: ' tirato' con Roero Arneis

Ingredienti:x due persone
180 g Riso carnaroli
prosciutto cotto
50 g Parmigiano Reggiano 30 mesi
olio extra vergine di oliva
cipolla
sale & pepe
due bicchieri di vino bianco (Roero Arneis)
( brodo di verdure )
Si prepara un risotto base al vino bianco, (soffritto di cipolla, tostatura del riso, aggiunta del vino bianco ), cottura. A parte si cuociono i pezzetti di prosciutto cotto su soffritto di cipolla.Unite al riso il prosciutto. Si rimestra accuratamente, sale e pepe, e si manteca con il Parmigiano Reggiano. ( se al riso si dovessero dare un paio di minuti di cottura; proseguire con brodo di verdure )
Roero Arneis
Vitigno: Arneis;
Colore: paglierino più o meno intenso, con riflessi leggermente ambrati;
Profumo: delicato, fresco ed erbaceo;
Sapore:asciutto, gradevolmente amarognolo ed erbaceo;
Gradazione alcolica minima complessiva:10,5 gradi.

11 settembre 2008

Lemon curd

Loving: Homemade Lemon Curd
Lemon curd una crema che ricorda l’Inghilterra, da spalmare sul pane a colazione, sugli Sultana Scones con il thè del pomeriggio, per deliziose crostatine o torte fatte in casa come la mia ( foto sotto) allo yogurt. Ingredienti semplici, uova, zucchero, burro e limone, cottura leggera formano una soffice e delicata crema molto profumata.

Ingredienti per due piccoli vasetti:
2 limoni non trattati ( buccia e succo )
100 gr di zucchero semolato
40 gr di burro
2 uova
Procedimento:
Grattugiate la buccia dei limoni e ricavatene il succo. In un pentolino, a bagnomaria, sciogliete il burro mescolandolo con zucchero. Quando si sarà ben amalgamato, unite le uova intere precedentemente sbattute, la scorza e il succo filtrato dei limoni, continuando a mescolare lentamente: tenete il fuoco molto basso e fate solamente fremere l'acqua del bagnomaria. Continuate la cottura a bagnomaria per una decina di minuti mescolando spesso, fino a che la crema non comincerà ad addensarsi. Prendete ora un colino a maglia molto fine e setacciate la crema per eliminare la buccia di limone ed eventuali grumi; potete conservare il lemon curd in frigorifero per qualche giorno.

Torta allo yogurt & lemon curd

9 settembre 2008

Torta allo yogurt

Ingredienti:200 g di farina
50 g di fecola
3 uova intere
130 g di zucchero semolato
100 g di yogurt
30 g di olio
una busta di lievito per dolci
una bustina di vanillina

Separate i tuorli dagli albumi. Unite ai tuorli lo zucchero e mescolate bene per ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete lo yogurt e l’olio amalgamate; poi la farina con la fecola il lievito, la vanillina, gli albumi montati a neve (montati con un pizzico di sale). Amalgamate di nuovo piano per non ‘smontare’ gl’albumi. Versate in una tortiera imburrata ed infarinata. Cuocete nel forno a 160° per 40 minuti. Per lo yogurt , mi piace bianco classico ma potete metterne uno alla frutta ad esempio all'ananas e decorarla con lo stesso frutto; oppure alla vaniglia.

Patate con Crumble alla paprika piccante

Ingredienti:5oo gr di patate
crumble:
3 cucchiai di pane grattugiato
1 cucchiaio di paprika
1 cucchiai di parmigiano

Tagliate le patate a bastoncino dopo averle pelate, lasciatele in ammollo in acqua fredda e sale per almeno un’ora. Mettete il una ciotola il pane grattugiato, il parmigiano,la paprika piccante. Scolate le patate dall’acqua e umide mettetele nella ciotola con il crumble, amalgamate. Preparate una teglia con carta da forno, versate le patate, infornate per 30 minuti a 140° senza girarle, alzate il forno a 180° continuare la cottura per un'altra mezzora; doratele da tutti i lati.

Sangria Napoletana: Il Vino con le Percoche

La Percoca nel vino: sapore e tradizione dell'estate napoletana,  non si può certo chiamare ricetta ma dovevo farvi sapere di qua...