26 maggio 2010

Un pane dolce con burro e zucchero, roba d'altri tempi


UNA FAVOLA DA METTERE IN FORNO

Sono brioches...nooo non lo sono , ho dato una diversa forma all'impasto, più o meno quello della torta di rose. Mi sono piaciute molto, per la farcia ho messo burro e zucchero come la fetta di pane d'altri tempi, volevo ricordare la merenda nel sapore e nel profumo. Mangiate tiepide ? Un viaggio dolcissimo.


UN PANE DOLCE CON BURRO E ZUCCHERO

Ingredienti :

300 gr farina 0 
3 tuorli d'uovo
100 gr zucchero
15gr di lievito di birra
90 gr burro
150 ml di latte tiepido
un pizzico di sale

Ingredienti per la farcia e finitura:

100g di burro a temperatuta ambiente
100g di zucchero
buccia grattugiata di un limone bio
latte


In una ciotola mettete il lievito sbriciolato, un cucchiaio di zucchero ed il latte tiepido, mescolate gli ingredienti, fate scioglire il lievito e mettete a riposare finchè il composto non si gonfia. Sulla spianatoia, versate la farina con lo zucchero, un pizzico di sale, il burro morbido, i tuorli d'uovo e il compostodel lievito. Prima di impastare mettetevi a disposizione della farina, formate una palla liscia e morbida ; stendete l'impasto - se riesce a forma rettangolare ◕‿◕ - abbastanza sottile, la sfolgia tende a " ritornare ". In una ciotola mettete il burro e lo zucchero con la buccia del limone e lavoratelo con le fruste fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. Spalmatelo sulla sfoglia stesa , tagliate dei triangoli e arrotolateli a forma di brioches o una forma diversa come l'intreccio nella foto. Disponetele su una teglia dove avete messo della carta da forno, bagnata e strizzata. Coprire con un canovaccio e mettere la teglia in un luogo caldo e asciutto per almeno un' ora. Prima di infornarle spenellatele con latte zuccherato e distribuite un poco di zucchero . ( Se le volete più scure usate il tuorlo come per le brioches,..in casa mia non ne vogliono sentir parlare dell'odore d'uovo !!! quindi metto latte tiepido, zuccherato). Infornate a forno caldo 190° per 20 minuti ..se serve gli ultimi 5 minuti coprite con carta stagnola.

UN PICCOLO VERDE D'AMARE

Regina della Pace : Messaggio di Medjugorje 25 maggio 2010


Messaggio di Medjugorje
25 Maggio 2010

"Cari figli, Dio vi ha dato la grazia di vivere e proteggere tutto il bene che è in voi ed attorno a voi e di esortare gli altri ad essere migliori e più santi, ma satana non dorme e attraverso il modernismo vi devia e vi guida sulla sua via. Perciò figlioli, nell’amore verso il mio cuore Immacolato amate Dio sopra ogni cosa e vivete i suoi comandamenti. Cosi la vostra vita avrà senso e la pace regnerà sulla terra. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."




25 maggio 2010

CRUMBLE DI FRAGOLE PER IL GELATO ALLA VANIGLIA

 

CRUMBLE DI FRAGOLE

Questa miscela per il crumble, viene preparata in anticipo e messa in freezer;  per un buon dolce da accompagnare con gelato di vaniglia, pronto in 20 minuti. Per la sorpresa e la gioia della nostra famiglia. E' possibile mettere al posto della frutta fresca, quella congelata ai frutti di bosco, in questo modo abbiamo davvero tutto a portata di ...freezer. In inverno è delizioso se preparato con mele che profumano di cannella, la fantasia non manca quando si prepara questo delisioso crumble , idea della mitca Nigella .


 

Ingredienti:

100g di farina
1 / 2 cucchiaino di lievito in polvere
50g di burro freddo, tagliato a dadini
3 cucchiai di zucchero

100g di fragole o frutta estiva 
1 cucchiaino di maizena
2 cucchiaini di zucchero vanigliato (o zucchero normale e la goccia di vaniglia)



 

Mettere la farina e il lievito in una ciotola e strofinare con i cubetti di burro, usando le dita fino ad ottenere un impasto come la sabbia grossa.  Mescolare lo zucchero e poi mettere in un sacchetto freezer a congelare. Questa miscela è abbastanza per fare la tortiera come nella foto o 6 / 8 piccole coppe-stampini. Preriscaldare il forno a 220 ° C. Mettere la frutta nella tortiera e cospargere con la farina di mais e lo zucchero. Mescolare.Spolverizzare il crumble congelato sulla frutta e cuocere per 20 minuti.


24 maggio 2010

PACCHERI AI TRE POMODORI : fior di filetti - pomodori secchi - pomodorini



Aiuola

Ci tengo a dirvi un fatto che mi accade da un pò di tempo, curo per il nostro condominio una piccola aiuola appartata, che non voleva curare nessuno, lo scorso anno oltre a piante perenni di piccolo fusto, sempre messe a  dimora da me, ho piantato ai bordi delle bellissime margherite gialle, per una serie di motivi che non sto ad elencare sono marcite. Sabato ( .......con Mauro molto contrariato, oltretutto...  per questo mio impegno verso terzi che ...a suo dire non meritano ) ho preso il primo di una serie di fiori che volevo piantare in sostituzione ed è una piccola pianta dai fiori gialli che forma un tappeto erboso, di piccoli fiori appunto...da mettere alla base delle potentilla che avete già visto nel blog ( riso alla polvere di liquirizia) , stamane un' indecenza, sono molto molto dispiaciuta e non capisco questa violenza gratuita verso chi si impegna ad abbellire per tutti. Così per dire..tra noi ! buona giornata




PACCHERI AI TRE POMODORI
pomodorini - fior di filetti - pomodori secchi

Non è una semplice salsa al pomodoro è qualcosa di più gustoso, rimane sempre un primo di pasta classico della tradizione italiana ma in versione più ricca. Ho letto tempo fa che, bisogna evitare di cuocere la salsa di pomodoro in tegami di alluminio perchè prenderebbe il sapore metallico, ...non certo dei migliori !! E sono da preferire le casseruole di coccio o di ghisa smaltata, questo per intederci su cosa è una salsa al pomodoro, una salsa da seguire in cucina se la vogliamo buona.


Ingredienti x 4 :

400 gr di paccheri
300 gr di fior di filetti o pomodori pelati
150 gr di pomodorini
3 cucchiaini di salsa di pomodori secchi o 3 pomodori secchi
3 cipollotti
15 foglie di basilico  
olio extravergine
peperoncino


Pulire i cipolotti tritarli fini ( eliminare la parte più verde ) e farli rosolare appena in un tegame con dell' olio extra vergine. Unire i pomodorini tagliati a metà e i due cucchiaini di salsa di pomodori secchi ( i pomodori secchi tagliati a pezzetti ) e farli rosolare ancora per qualche minuti; aggiungere i fior di filetti e due dita d'acqua tiepida e continuare a cuocere per 15 minuti. Spegnere, salare e profumare il sugo con 12 foglie di  basilico tritato. Lessare i paccheri in abbondante acqua salata, scolarli e versarli direttamente nella salsa ai tri pomodori. Mescolare e servire subito decorare con le restanti foglie di basilico.

21 maggio 2010

Il pane ...pronto in quattro e quattr'otto

 

Il pane ...pronto in quattro e quattr'otto
Oggi è passato il giro d' Italia e ha vinto Manuel Beletti un ragazzo di 24 anni , abita in un paese vicino. Sono molto contenta per lui e per i ciclisti di romagna da sempre presenti in questo bellissimo sport. Lo seguo, vi sembrerà strano ma seguo il giro d'Italia sono romagnola e in ogni casa c'è un ciclista, tutti guardano il giro. L'anno scorso ricordo di avergli  dedicato un dolce ed era una mousse di mascarpone ai lamponi.

Quest'anno un panino imbottito di "bologna" ,
il pane è fantastico, veloce da realizzare, buono. 


 

Il pane imbottito di profumata mortadella
Da mangiare appena si "toglie" dal bollore, un pane delizioso preparato in poco più di un'ora.

Ingredienti per due filoni di pane:

500 g di farina
370 / 380  ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di malto
mezzo lievito di birra
1 cucchiaino e mezzo di sale


In un contenitore mettere la farina e il sale, mescolare. In un contenitore mettere l'acqua tiepida 370 ml con il lievito di birra, il malto, fateli scioglire poi versateli nella farina. Mescolate l'impasto con una forchetta si presenta molto molto morbido, coprite e lasciate lievitare un'ora e mezza.
Prendere il contenitore con l'impasto lievitato, infarinatevi molto bene le mani e prendete una parte d'impasto che, si allunga è appiccicoso e pieno di bolle d'aria; disponetelo su un foglio di carta forno infarinato. Distribuite un pò di farina sopra..... cuocere in forno a 260° per mezz'ora controllate il colore ...biscotto. Per il panino... ho tagliato il pane a metà e ripassato in forno per renderlo più croccante anche all'interno, una questione di gusto,...come volete.

 
questo panino partecipa al contest di :
 

20 maggio 2010

Coniglio all'aceto delicato bianco con olive e capperi

 

Lo sapete la carne bianca di coniglio ci piace e lo si vede dal blog,
preparato in questo modo è molto estivo. L'aceto gli dona un sapore particolare, pulito.
Ho voluto aggiungere la passata di pomodoro e rosolarlo in forno perche si compattasse,
ma penso di preparalo prossimamente senza la passata e lasciarlo "bianco" non al forno...
con vedure fresche,  lo penso per una cena estiva.....vediamo !


Coniglio all'aceto delicato bianco
con olive e capperi



Ingredienti x 4 :
un coniglio pulito e tagliato
olio extravergine d'oliva
sale
pepe
1,5 dl di aceto bianco delicato
olive nere q.b.
capperi q.b.
3 spicchi d'aglio
3 rametti di rosmarino
2 cucchiai di passata di pomodoro

Rosolate il coniglio in una padella antiaderente a fiamma media con l'olio e una presa di sale per 10 minuti, girando i pezzi in modo che possano essere rosolati in modo uniforme. A parte in un pentolino mettete l'aceto, l'aglio sbucciato e schiacciato ed il rosmarino; portate ad ebollizione e spegnete il fuoco. Versate l'aceto sul coniglio, prima abbassate la fiamma, unite anche i due cucchiai di passata diluita in un bicchiere di acqua calda, continuate la cottura per 30 minuti a padella semi coperta. Una volta pronto versate le olive ed i capperi, passate in forno a 250° per 3 /5 minuti il tempo necessario per " arrostirsi ".


Peonie , il fiore incantato

 

Ho voluto riprendere con queste peonie la mia abitudine ...i fiori di casa.
Sono passata da mia mamma ieri e non c'era.. !
Ho fatto un giro nel suo cortile ed ho raccolto queste bellissime peonie, una volta a casa le ho fotografate,
perchè i fiori non soppravvivono mai, a chi li raccoglie, ma anche per fantasticare attraverso ciò che si vede,
ed  ...esporre con queste mie foto un pò di me.


 

Nella foto mia figlia da bimba, ora è una bellissima ragazza !

19 maggio 2010

Melanzane fritte con piccole scaglie di parmigiano

 

Sono molto adatte anche per un panino" da asporto " provate a prepararne uno con la cotoletta ed uno con le melanzane fritte, dai racconti dei gloriosi anni '60, nelle scampagnate. Come vedete la primavera nella mia cucina è già arrivata, mi sento un pò pigra nel cucinare, ed ho voglia di pietanze che fanno colore in tavola. Le melanzane fritte me le ha ricordate Paolo, del blog makkekomiko. Da bambina mi piacevano moltissimo, e quindi ... vi racconto : contando su questo mia mamma mi mandava dalla signora che le coltivava a prenderle. Sì, a prendere e non comprare ero munita di borsa, ma non di soldi , poi ci pensava lei a saldare. E così, verso il tardo pomeriggio mi avviavo verso la casa di questi piccoli produttori di verdure.
Una fatica per il peso, che non vi dico !!! 
 - Stefania ce la fai ?
- si,.si signora grazie... non si preoccupi   ◕‿◕

 

Melanzane fritte con scaglie di parmigiano

Per questo tipo di cottura ,non metto le melanzane a scolare dal loro liquido 
con il sale  le abbiamo sempre preparate così in famiglia,
e continuo questo modo, mi piacciono !



Ingredienti :

melanzane lunghe
olio per friggere
sale
scaglie di parmigiano reggiano
limone ( facoltativo )

Tagliate le melanzane per il lungo apeena prima di tuffarle in olio bollente, ad ogni "giro " di frittura , aggiugete un poco d'olio e riportatelo a calore alto. Salate in modo piuttosto abbondate, distribuite il parmiggiano e tostate del pane toscano tagliato a fette sottili e abbrustolito. Sono ottime !  Una spuzzata di limone se lo gradite, giusto prima ...del boccone .


18 maggio 2010

Insalata di primavera e fiori

 

Un idea per un 'insalata di primavera, non vuol essere una ricetta. Avevo voglia di passarla lo stesso sul mio blog perchè è fresca buona e bella. Oltre all' insalatina mista e fresca si possono aggiungere dei germogli, delle lenticchie rosse, renderla vegetariana o meno. Per me oggi,  l'ho preparata con gli ingredienti classici delle "insalatone" dei bar della spiaggia, con tonno e uova soda.  

 
INSALATA DI PRIMAVERA E FIORI

Ingredienti:
per 4 persone
300 g di misto di insalate fresche
tonno sott'olio q.b.
uova sode q.b.
2 cucchiai di aceto
5 cucchiai olio extra vergine
sale
senape
pepe

In una capiente insalatiera mettere un misto di varie insalate fresche.  Aggiungere olio, aceto, con sale e pepe,  e un cucchiaino di senape distribuire sull'insalata giusto prima di servire. Decorare con fiori commestibili.


17 maggio 2010

polpettine in salsa piccante con cipolle

 

Inizia così la mia settimana nel blog, con un secondo di carne saporito e dall' aspetto rustico, di quelli che ci fanno dire... a tavola !!! Con un tono pieno di orgoglio...casalingo, dopo averla sistemata con buon pane e vino robusto, nessun pensiero alla linea, ma piuttosto ad un gustoso convivio . Buona giornata !

 

POLPETTINE IN SALSA PICCANTE CON CIPOLLE

Mi piace preparare queste polpettine con un pò d'anticipo la mattina per la sera, il gusto diventa migliore se le polpettine "riposano" un paio d'ore nel loro sughetto.



Ingredienti:
per 4 persone

300 g di carne macinata di vitello
200 g di carne macinata di maiale
100 g di salsiccia fresca al finocchietto
40 g di pangrattato
50 g di parmigiano grattugiato
1 uovo
un mazzetto di prezzemolo
la scorza di un limone bio
250 g di pelati 
50 g di passata di pomodoro
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
3 cipolle bianche
2 peperoncini piccanti
olio extra vergine d'oliva
sale

Mettere in una terrina le carni e la salsiccia spezzettata, aggiungere il pangrattato, il parmigiano, la scorza di limone, l'uovo, il prezzemolo tritato, salate e mescolate finchè l'impasto risulta compatto. Formate delle polpettine mettetele a parte in un luogo fresco. Fate stufare in una casseruola la cipolla tagliata, per 10 minuti a fuoco basso con l'olio e i peperoncini.
Unire i pelati tagliati a pezzi, con il concentrato, e la passata diluiti in mezzo bicchiere d'acqua tiepida. Lasciate cuocere a fuoco basso per 5 minuti.
Disponete le polpettine, salate, e coprite la casseruola, continuate la cottura per 30 minuti, girandole di tanto in tanto.    

 

14 maggio 2010

un primo piatto di pasta con pesto agli asparagi



Questa mattina leggendo il post di Stefania del blog cardamomo, mi ha dato l'inspirazione e mi sono detta che, anch'io da tanto tempo ho in mente quanto vado a dire : vedo sempre più spesso nei blog il riferimento all' antiplagio e alla cosa porto molto rispetto senza alcun dubbio.

Nel nostro caso di blogger plagio a cosa ?  questa è la domanda che mi rivolgo e alla quale tento di rispondere possibilimente in modo chiaro; una volta mi si disse in più msg che avevo cucinato gli spaghetti alla norma...anche qualcun altro aveva in quei giorni cucinato gli spaghetti alla norma... si chiedeva l'ora della foto, ridicolo ! 
Con milioni di blogger la possibilità di essere uniche a fare il pesto o il sugo alla norma è al quanto utopitisco, detto questo tiro innanzi per sgombrare il discorso da piccoli chiacchericci.

La nostra società di consulenza lavora nella moda e vi assicuro che, di questo argomento si parla continuamente da anni.

Al plagio possono solo rifarsi gli chef nel nostro caso, visto che parliamo di foodblog che, inventano di sana pianta una ricetta, accostando ingredienti e cotture nuove e inconsuete.

Tutte noi cuciniamo e con molta fantasia / tenacia teniamo un diario / blog che è lo specchio di noi stesse.

Ecco questo è l'argomento, il problema, la presa di coscienza di se stesse e chi imita nella forma il layout e dentro questa parola metto tutto quello che riguarda il corpo di un blog, di un'altra persona in realtà favorisce il blog originario, perchè solo esso è pieno di vero mood, come le collezioni ; ....non apro il capitolo mi piace ..o meno, non è questo l'argomento.

L'inspirazione invece è positiva e muove il mondo verso il bello, prendere inspirazione per creare un qualcosa di diverso in maniera personale questo è un fatto impossibile da controllare / fermare per il semplice motivo che viviamo in una community ed è per questo che riprendo un bellissimo pensiero, lanciato nella community da Stefania per continuare un dibattito da Lei aperto.

Questo è quanto penso ......opinabile, certamente !


Pesto agli asparagi

ingredienti

250 g di asparagi
3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
2 cucchiai di pecorico grattugiato
un paio di cucchiai di pinoli
olio extra vergine d'oliva delicato
sale e pepe


Pulire gli asparagi, tagliando la parte terminale più dura e pelando un poco la restante. Lessarli in acqua salata, scolarli e passarli al frullatore con gli altri ingredienti, aggiungendo l'olio d'oliva a filo, in modo da potersi regolare per la consistenza del composto. 


12 maggio 2010

I miei mini crackers incontrano le spezie

 

Un cracker è un biscotto asciutto, sottile, croccante e saporito.

Anch'io come molte di voi ho incontrato l'insaporitore per eccellenza Ariosto sulla strada del blog, mi hanno inviato una scatola con piccolo campione dei loro prodotti , che non contengono: conservanti, coloranti, glutammato monosodio, sono preparati con solo sale (conservante naturale) ed una mix di erbe sapientemente miscelate per ottenere un aroma inconfondibile. (solo un insaporitore contiene spezie), così riportano, sentitamente ringrazio .

E volendo preparare qualcosa di adatto " all'incontro "
ho pensato ad un aperitivo sul mio blog....Cin !!! 

 

crakers alle spezie

Ingredienti: 

300 g di farina
10 cucchiai di olio extravergine di oliva
acqua per amalgamare
Spezie

Preriscaldate il forno a 180°. In una ciotola mettete la farina con il sale, aggiungete l'olio e poco alla volta l'acqua per amalgamare un composto che, deve risultare, una pasta morbida ed elastica. Lasciatela riposare una mezz'oretta, e successivamente stendetela col mattarello, serve  una sfoglia sottile. A questo punto tagliatela a piccoli rettangoli, e sistemate i crackers così ottenuti in una teglia ricoperta con carta forno. Prima di infornare, spennellateli con olio extra e metteteci sopra l'insaporitore che preferite quello alle patate o anche quello al peperoncino, infornate per 10 minuti. Chissà se abbiamo dal blog lanciato la personale idea ad un incontro tra spezie e panificatori.


11 maggio 2010

Risotto allo Zafferano e polvere di Liquirizia - Dal Ristorante " Le Calandre" di Rubano Padova

 

Un sapore molto intenso e amaro quello della polvere di liquirizia, e con il risotto allo zafferano ricco di mantecatura si accoppia molto bene. La ricetta non è mia è di calandre.........è venuto davvero un gustoso, buon risotto !
La polvere di liquirizia l'ho acquistata la scorsa domenica alla manifestazione squisito; ho riportato tutto come da loro segnato, quantità e procedura, non mi permetto di modificare una ricetta del grande ristorante Le Calandre. 
Ho visto la ricetta del risotto nel sito magnarben

 


Risotto allo Zafferano e polvere di Liquirizia

Ingredienti:

320 gr di riso vialone nano Tenuta Castello

15 gr di cipolla tritata

12 gr di olio extra vergine di oliva

70 gr di vino bianco secco

brodo di gallina quanto basta

60/70 gr di burro

100/120 gr di parmigiano

sale e zucchero quanto basta

liquirizia , zafferano.
   
Preparazione:

Tostare il riso in un fondo di cipolla e olio, sfumare con il vino bianco, aggiungere lo zafferano in filamenti procedere con il brodo di gallina unito poco per volta. Portare a cottura e aggiustare di sapore, mantecare con burro e parmigiano. Emulsionare con un goccio di brodo bollente e servire su piatto piano. Allargare per bene il risotto e cospargere la superficie con polvere di liquirizia e qualche goccia di brodo allo zafferano ben ristretto.


10 maggio 2010

Patate tiepide alla cipolla con salsa al curry

 

E' un buon momento per abitare vicino al mare. Gli alberi sono in fiore, i bambini giocano sulla spiaggia e i  colori sono particolarmente chiari e luminosi in questi primi segni di primavera. Anche al mercato della frutta e verdura ci sono le nuove prelibatezze di stagione come le piccole patate novelle, l'ingrediente principale di questa ricetta. Con le piccole patate novelle  ho preparato un contorno adatto al periodo, perchè da consumare tiepido. E' semplice nella preparazione, condito con una salsa buona e dal sapore particolare.


 

Per prima cosa prepariamo la salsa , lavare e tagliuzzare il prezzemolo. Mettere in un vasetto con coperchio, l'olio d'oliva extravergine, la senape, la panna acida, il prezzemolo ed il curry, insaporire con sale e pepe, chiudere il coperchio del vasetto ed emulsionare la salsa.
*** Schiacciare l'aglio delle patate nella salsa e mescolare.

Ingredienti per la salsa:
mezzo cucchiaino di curry
un mazzetto di prezzemolo
50 gr di panna acida o ricotta
1 cucchiaino di senape forte
2 cucchiaini di olio extra vergine d'oliva
*** l'aglio delle patate
sale e pepe


 
 Patate tiepide alla cipolla:

Ingredienti per 3 / 4 persone :

750 gr di patate novelle
mezza testa d'aglio
olio extra vergine d'oliva
2 cipolle bianche
pepe in grani
sale

Preriscaldare il forno a 180°. Lavare le patate novelle, dividetele a metà, tagliate la cipolla a rondelle e mettete tutto in una teglia in forno, rivestita da carta forno e leggermente unta . ***Tagliate a metà una testa d'aglio, mettetela insieme alle patate con del pepe in grani. Salare e fate cuocere in forno per 40 minuti . Far intiepidire le patate,unirvi la salsa. 



Sangria Napoletana: Il Vino con le Percoche

La Percoca nel vino: sapore e tradizione dell'estate napoletana,  non si può certo chiamare ricetta ma dovevo farvi sapere di qua...